WWW.ANAC.IT

Anac, l'associazione nazionale avvocati comunitari, è stata costituita in Italia a metà del 2010 per iniziativa di avvocati operanti nei settori del diritto comunitario e internazionale.

L'associazione - costituita in Italia e con affiliazioni anche a livello europeo - intende promuovere lo sviluppo e la cultura di una classe professionale legale europea ed agire per il costante miglioramento ed aggiornamento dei servizi legali comunitari offerti alla clientela, nel pieno rispetto delle normative applicabili e dei principi della deontologia professionale vigente in ogni Stato membro.

Oggi la cooperazione giudiziaria è divenuta una attribuzione propria della Unione Europea e delle sue Istituzioni al fine di avvicinare le legislazioni degli Stati membri, favorire il reciproco riconoscimento delle rispettive decisioni giudiziarie e promuovere forme di cooperazione sempre più incisive.

In questo contesto il diritto internazionale privato si è avviato a diventare un ramo del diritto europeo, indipendente e separato, al di sopra delle legislazioni nazionali.Il trattato di Amsterdam ha conferito alla Ue la competenza a legiferare nel settore del diritto internazionale privato

In questo contesto legislativo siamo chiamati a svolgere la professione dell'Avvocato.La preparazione dell'Avvocato europeo deve prevedere la conoscenza degli ordinamenti nazionali, del diritto comunitario e del diritto internazionale.

la formazione dovrà essere comune per Avvocati, Notai e Magistrati, ciò al fine di acquisire una comune cultura della giurisdizione "comunitaria".

Appare improrogabile e indispensabile compiere un lavoro sistemico di canoni legali interpretativi di norme e comportamenti in una Europa che comprende una costitutiva molteplicità legislativa e di tradizioni.

In primo luogo l'avvocato comunitario dovrà essere sempre più preparato ad un inevitabile ricorso alla conciliazione dove il diretto rapporto tra il conciliatore e la parte, la rapidità del procedimento, la sua totale informalità e l'alta probabilità di risoluzione della controversia avvicinano i cittadini Europei a questa scelta.

Un'altra sfida importante che attende l'Avvocato Europeo sarà quella della dimensione "strategico-organizzativa" da dare al proprio studio: ciò che sarà importante per gli studi medio-piccoli sarà lo sviluppo delle reti tra gli studi per collaborare e competere sia all'interno dell'Europa sia nei confronti di quei Paesi, che pur se destinati a non entrare mai in Europa, saranno coinvolti nell'esperienza comunitaria con accordi politico-commerciali.

Anac è un’associazione apolitica e senza scopo di lucro, aperta al contributo di tutti gli Avvocati interessati, che agisce di intesa con gli Ordini professionali italiani ed esteri, il Consiglio Nazionale Forense, i Comitati rappresentativi delle Professioni e gli altri organi ed enti competenti a livello nazionale ed europeo, sostenendone i compiti istituzionali ed assumendo funzioni anche di stimolo in base agli orientamenti espressi dagli associati

Fra gli interessi preminenti che hanno portato alla costituzione di Anac vi è quello di assicurare ai giovani Colleghi, interessati ai settori del diritto internazionale, opportunità concrete di conoscenza, formazione e pratica professionale.

Anac si pone con serietà e persistenza quale interlocutore affidabile delle Istituzioni e del mondo forense e della consulenza professionale, in Italia e in Europa; l'obiettivo per l'immediato futuro è di rafforzare la propria organizzazione e presenza per far valere le proposte degli associati, nell'interesse comune di chi fornisce e di chi utilizza anche all'estero le loro prestazioni professionali.

 

Il Segreterio 

Francesco Cicconi